Stampa E-mail

I Ranate

 
Minestra di legumi

di Simplicio Della Villa

 
   
 
     
     

I 'RANATE

 

I 'RANATE ¹

Ogge me so magnate i ‘ranate.
Va bbóne , sandantònie d’i purchitte
é state ‘ne mesi fa, ma a mì cuggineme
m’i è purtate l’atra iére
i mi so putute magnà ogge.
‘ntramintre che mi magnéve,
tutte ‘st’ammischie,
rane, marròcche, fasciure de tutt’i tipe,
cice, lenticchie, cicèrchie,
me so misse a penzà
al significato etnoculturale
di questo piatto.
La fèste de sandantònie de gennare,
j’animale (i pòrche, prime de tutte,
i pòrche, la carne, le ‘rasse,
la rasce, la vite)
i po’ le rane, i i fasciure, i le marròcche
i tutte le réste apprésse.
A Gennare.
Quande la tèrre nen dà nènte.
La rasce, esibita,
come scongiuro e auspicio contro la fame.
I sò penzate pure a quante
Vajjule s’énne saziate
Che tutte i ranate che ce divene le fémmene
Quande jivene a cantà sandantonie,
alle fémmene, ch’ i cumenzivene a preparà
‘na sittimama prime.
I ai favóre.
Tutte i vajjule ‘ntòrne i fóche
I i vécchie che dicene stéte atténte
I le fémmene che dice cumma so scème
J’ommene che purtene i ciòcche.
I quant’èra bbéjje a stà tutte ‘nzieme
A guardà ‘ne fóche.
Ma poi mi sono detto:
brutte scème, ma sèmpre a quél ch’é state va penzènne?
Pinze a dimane, pinze (nen ce stà ‘na paròle celanése
Pe dice “futuro”, troppe lusse “il futuro” p’i cafune,
addimane abbaste i avanze, i è pure tròppe).
Pòssibbele che d’ogni cóse t’atà métte a penzà
A riflètte, a analizza?
Cu ccazze te pinze?
Magnete i ranate,
pinze a cantà sandantonie
(che a falle nen pù, perché ‘nce stà)
Falle, se ce rrescisse,
cumma le fanne i celanése de mò
(qui pe ddavére, no tu che sì celanése
Solo col tuo cuore più profondo,
Nen pinzene, fanne
Se cridene de fa cumma s’è sèmpre fatte
Nenn’è le vére, ma lóre ne’lle sanne
I ‘nce ne fréca nènde.
La tradizzióne, pe mmì
È analisi e purezza filologica,
pe lóre, è quéle c’a lóre ce pare c’atéssa èsse.
I anne raggióne lóre.
‘nze studie, ‘nze analizze, ‘nze compara
Se fa
Ògge pe cumm’è ogge
Iére pe cumm’ère iére
Addimane pe cumma sarà’ddimane
  Oggi ho mangiato i ‘ranate.
va bene, la festa di sant’antonio abate
È stata un mese fa, ma mia cugina a me
li ha portati l’altro ieri
E ho potuto mangiarli oggi.
Mentre li mangiavo
tutto questo miscuglio
Grano, granoturco, fagioli di ogni tipo
ceci, lenticchie, cicerchie,
ho pensato
al significato etnoculturale
di questo piatto.
La festa di Sant’Antonio di gennaio
gli animali (il maiale prima di tutto,
il maiale, la carne, il grasso,
la grascia, la vita)
e poi il grano e i fagioli e il granoturco
e tutto il resto.
In Gennaio.
quando la terra non dà niente
La grascia, esibita
come scongiuro e auspicio contro la fame.
E ho pensato pure a quanti
ragazzi si sono saziati
Con tutti i ‘ranate che davano le donne
quando andavano a cantare santantonio,
alle donne, che cominciavano a prepararli
una settimana prima.
E a i favóre.
Tutti i ragazzi intorno al fuoco
e i vecchi che dicono state attenti
E le donne che dicono come sono scemi
gli uomini che portano i ciocchi.
E quanto era bello stare tutti insieme
a guardare un fuoco.
Ma poi mi sono detto:
brutto scemo, ma sempre a quello che è stato vai pensando?
Pensa a domani pensa – non c’è una parola celanese
Per dire “futuro”, troppo lusso “il futuro” per i cafoni,
domani basta e avanza, ed è anche troppo)
possibile che di ogni cosa devi metterti a pensare,
a riflettere, ad analizzare?
Che cazzo ti pensi? Mangia i ‘ranate
pensa a cantare santantonio
(che farlo non puoi, perché non ci stai)
fallo, se ci riuscissi,
come lo fanno i celanesi di adesso
(quelli per davvero, non tu che sei celanese
Solo col tuo cuore più profondo
e solo nel profondo del tuo cuore)
Non pensano, fanno
credono di fare come si è sempre fatto
Non è vero, ma loro non lo sanno
e non gliene frega niente.
La tradizione per me
è analisi e purezza filologica,
per loro, è quello che a loro sembra che dovrebbe essere.
E hanno ragione loro.
Non si studia, non si analizza, non si compara.
Si fa.
Oggi per come è oggi
Ieri per come era ieri
Domani per come sarà domani
     
     
     
Dialetto celanese
Testo e traduzione a cura di Simplicio Della Villa
  ¹ I ‘ranate sono una specie di piatto tipico della festa di Sant’Antonio Abate (detto anche “sandandonie d’i purchitte” o “sandandonie de gennare”. Si tratta semplicemente di un miscuglio di legumi bolliti (fagioli, ceci, lenticchie, cicerchie) più grano e granturco, sempre bolliti.

In occasione del “cantare santantonio” cioè l’andare di ragazzini di casa in casa a cantare la filastrocca nota, credo, in tutta la Marsica, ne veniva regalata una porzione che poi i ragazzini consumavano tutti insieme in un clima di grande festa.

Appare evidente il significato di augurio di abbondanza e, se si volesse fantasticare, il rimando ad antiche feste propiziatorie agricole evocato dall’associazione tra Sant’Antonio Abate (in origine “colui che schiaccia il maiale, simbolo dell’impurità”, passato a diventare, per l’evidente importanza del maiale, in “colui che protegge il maiale, simbolo dell’abbondanza” e, de translato, il protettore di tutti gli animali) tecnicamente, appunto, protettore degli animali e i prodotti della terra. Insomma una grande festa propiziatoria che si concludeva, infatti, con “i favóre” grande falò comunitario in cui luce, in inverno, calore, legna, (preziosa), “sprecata” ma ancora rito propiziatorio per l’abbondanza del raccolto (e, se proprio proprio uno volesse fantasticare di più, omaggio alle divinità ctonie).
Disclaimer Copyright
È vietata la copia anche parziale del contenuto di questa pagina senza l'autorizzazione scritta degli autori.
Copyright ©2012 FucinoLands.com


 

Aggiungi commento

Qui puoi scrivere un tuo commento

- Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
- I campi "richiesto/a" sono obbligatori.
- Il tuo commento verrà pubblicato previa visione dell'amministratore di FucinoLands
- I Commenti ritenuti offensivi verranno eliminati.
- E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.
- I dati raccolti con questa form saranno inseriti in una anagrafica e saranno trattati nel rispetto del Decreto Legislativo 196/2003.


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli correlati

Copyright © 2017 FucinoLands. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.